.
Annunci online

uominiocaporali

Breve nota

CAPORALI 27/10/2009

 
Al momento in cui scriviamo, il M° MarcoTutino, noncurante del ridicolo, sta presentando, al Teatro Comunale, il volume di  Marcello Mariani “ Dietro le quinte dello spettacolo, economia e management del teatro musicale”.

Lo fa probabilmente in qualità di esperto, dall’alto dei quasi 5 milioni di euro di deficit nel 2008 e del “Mezzopiano industriale” apparentemente scritto a quattro mani con lo Sceriffo di Nottingham.


                                                 Enrico Celestino  




permalink | inviato da donquixote65 il 27/10/2009 alle 19:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

Dalla parte di chi??

CAPORALI 23/10/2009

Alla Sig.ra Giorgetti ( Corriere di Bologna, oggi ),ho risposto, via e-mail, così:
Gentile Sig.ra Giorgetti,
sono reduce dalla lettura della sua risposta sull'"austerity dello spettacolo". Appena riavuto dalla vertigine datami dal vuoto informativo che permea il suo articolo, mi sono applicato a scriverle per precisare quanto segue:
 il CCNL dello spettacolo prevede per la categoria Professori d'Orchestra non sedici bensì ventotto ore settimanali per una tipologia di lavoro molto particolare che comporta un livello di specializzazione e di selezione ( mai sentito parlare di concorsi internazionali per entrare a far parte di un'orchestra stabile, Sig.ra Giorgetti?) che anzi, ormai è scarsamente retribuita rispetto ad  altre categorie paragonabili.
Semmai il problema è trovare dei dirigenti ( che non fanno nessun concorso! ) che sappiano far fruttare questa risorsa, offrendo così ai fruitori maggiori occasioni di ascolto al medesimo costo, perchè tale resta il famoso 70% del bilancio per i compensi ai dipendenti, che suonino o cantino una sera o sei alla settimana.
Se lo lasci dire da chi nel Teatro ci lavora da vent'anni: dietro questa cortina fumogena ci sono, anche e non solo, le ragioni di anni e anni di deficit nel settore causate da spese fuori controllo per cachet milionari (in euro) di registi, cantanti, direttori, scenografi molti dei quali evasori fiscali. ( Vedi Pavarotti. Cfr. La Repubblica, 6 settembre 2007, lo sapeva?
 In quanto a "riposi compensativi" non ve n'è traccia nel contratto. Mi dia ascolto, se lo legga, se lo legga... Come diceva Totò, si informi.
Certo di un suo cortese riscontro, magari sulla stessa rubrica, le porgo distinti saluti.                                               Enrico Celestino, Prima Viola dell'Orchestra del Teatro Comunale di Bologna



permalink | inviato da donquixote65 il 23/10/2009 alle 23:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

Notizie dall'interno

PROVE SCHIACCIANTI 21/10/2009

 Partiamo da due episodi di cui sono stato testimone, facendo parte da dell’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna: 

lo scorso 14 ottobre le quattro sigle sindacali indicono un’assemblea generale per ricevere mandato in merito al prosieguo delle trattative in corso sul piano industriale presentato da Tutino, a fronte della mancata erogazione di parte della retribuzione di Settembre unilateralmente decisa dalla Fondazione in totale spregio degli accordi in essere.

Il risultato della consultazione non è affatto scontato a causa della posizione ambigua di CGIL che ritiene possibile trattare la proposta della Fondazione di un reintegro pari al 30%. Una specie di pizzo, insomma.

Bene, il voto dice tutto: l’assemblea, composta da artisti del coro, professori d’orchestra, tecnici, sarte, impiegati, respinge all’unanimità non solo la questione retributiva ma l’atteggiamento complessivo dei dirigenti del teatro nella trattativa. Punto.

Due settimane prima, il 30 Settembre, uno dei punti in questione è la deroga al contratto necessaria per la partecipazione al concerto “Pavarotti”. 

L’assemblea, con soli 16 voti favorevoli su 160 presenti, nega l’assenso, anche qui sconfessando la Triade che ha già firmato un pre-accordo, considerando fra gli altri fattori la sostanziale inaffidabilità della direzione ( ad esempio si portano le ultime prodezze della dirigenza che nel Luglio scorso garantisce la copertura dell’organico almeno con personale aggiunto e a Settembre si rifiuta perfino di assumere vincitori di concorsi ).

Eppure sulla maggior parte degli organi di stampa abbiamo letto che l’Orchestra ha detto no al “ Compleanno Pavarotti” ed è sempre l’Orchestra a pretendere “premi ingiustificabili” a fronte di un bilancio in passivo.

Quindi è bene mettere a fuoco che è l’Orchestra a essere nel mirino del Sovrintendente-tuttofare ( le ragioni di questo proverò ad analizzare in un prossimo numero ) che sfrutta assai la grancassa offertagli dai giornali. 

Forse se la maggioranza dei cosiddetti giornalisti che si occupano della faccenda sui giornali nazionali, invece di riportare ogni baggianata ( per essere gentili ) del VIP di turno come fosse oro colato, senza verificare cifre, contratti nazionali o la semplice logica e non pubblicassero interviste-scendiletto dove la domanda più ficcante suona come: “ E’ soddisfatto del piano industriale presentato dal CdA della Fondazione per ripianare il bilancio entro il 2012?” ( Uberto Martinelli a Marco Tutino sul Resto del Carlino del 2 ott. 2009 ), l’opinione pubblica saprebbe ad esempio che quelle che Tutino vuol far passare come anacronistiche clausole assurde, sono il Contratto Nazionale che entrambe le parti, dirigenti e dipendenti, sono tenute a rispettare; che il motivo del deficit abnorme del Teatro non è, squisitamente per logica, imputabile al costo del personale; che il bilancio doveva essere, per legge, monitorato dal CdA ed è invece  andato fuori controllo.


Insomma, è comprensibile che chi ricopre ruoli di vertice abbia una adeguata copertura mediatica ma non è giustificabile la carenza di spazio data alle altre voci ed è ancor più biasimevole, per dei giornalisti, riportare acriticamente dichiarazioni talora diffamanti e offensive.


                                                  Enrico Celestino   

 

  

 




permalink | inviato da donquixote65 il 21/10/2009 alle 14:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

Porgi l'altra guancia

PROVE SCHIACCIANTI 17/10/2009

Non entro, per il momento, in polemica sulle affermazioni di Tutino, pubblicate su Repubblica il 16 ottobre, in merito alle ore di lavoro degli strumentisti dell’Orchestra del Teatro Comunale. Questa è materia per i sindacati ed eventualmente per avvocati, visto il chiaro intento di gettare discredito sulla categoria. Quand’anche fosse vero, non mi vergogno affatto di lavorare “ meno di tre ore al giorno “ come dice Tutino intendendo il tempo che, secondo lui, può succedere che io passi giornalmente in teatro.

Questo per un motivo tanto semplice da sorprendermi che Tutino, che risulta essere (non è dato sapere con quali risultati artistici) diplomato in Flauto, non arrivi a considerare:

il lavoro del musicista-strumentista non è solo fatto di prove ed esecuzioni ma, anzi, come sarebbe logico e palese anche per chi non fosse del mestiere, in larga parte di studio. 

Quello studio non solo del repertorio orchestrale ma della tecnica, del suono, dello stile che permettono al singolo musicista e, conseguentemente all’orchestra,  di mantenere l’alto livello esecutivo acclarato dalle tourneé nei migliori festival lirici europei e, come testimoniato nero su bianco il 18/11/2005, da Sergio Cofferati in qualità di Sindaco e da Stefano Mazzonis, predecessore di chi ha da tempo dichiarato guerra all’orchestra del Teatro Comunale.

Le dichiarazioni di Tutino ricordano da vicino il tentativo del prestante ministro Brunetta di screditare (e normalizzare) i magistrati proponendo gli ormai famigerati tornelli per “controllarne” l’effettiva quantità di lavoro.

La pochezza culturale, se non la malafede, portano certuni a poter considerare solo quantitativamente il lavoro, ignorando, forse a causa di transfert o frustrazione, l’aspetto fondamentale della qualità.

In ultimo vorrei far presente che né io né alcun collega, abbiamo mai firmato un ordine del giorno né tanto meno stabilito quante prove e quanti concerti effettuare ogni mese. Questo spetta ai dirigenti e al CdA in base al Contratto Nazionale che prevede dalle 5 alle 6 ore giornaliere per 6 giorni alla settimana, 11 mesi all’anno senza costi aggiuntivi.

Se ne potrebbero fare di cose, no? Volendo.

                       

                                                      Enrico Celestino

P.S. in allegato pubblico il mio ultimo CUD.

       Faccio notare che solo cinque persone in orchestra hanno un ruolo più retribuito del mio, quindi è escluso che da contratto possa esserci qualcuno che raggiunga le fantasiose cifre riportate da Tutino